Una nuova strada da percorrere

Passano gli anni e si diventa maturi, si continua a credere nella lealtà delle persone e si continua a prendere fregature.

Come mi è stato insegnato, non so essere diverso, credo negli uomini e nella loro buona fede, tranne poi incontrare pezzi di merda che ti fanno pensare se fai bene oppure no.

Certo che faccio bene, non si può vivere nella mancanza di fiducia nel prossimo, vorrebbe dire vivere una vita a metà, non godere del fatto di interagire con il prossimo e sperare che ogni singolo stia facendo quanto gli è possibile per migliorare questo mondo che va alla rovescia.

Alcune persone non hanno la capacità di vivere in sintonia con il proprio prossimo, cercano sempre l’antagonismo e non godono se non hanno un nemico da affrontare e cercare di distruggere con quanto di peggio sono capaci di esprimere. Queste persone, probabilmente insoddisfatte delle proprie vite, riescono a trovare il brutto anche nel più bello dei sogni o dei pensieri.

Mi consola però il fatto che dimostrando disponibilità si incontra tanta bella gente, ci si riconosce e senza tanti fronzoli e preamboli si percorre insieme la strada che si ritiene giusta. Aiutare una persona in difficoltà, cercare di risolvere un problema comune o dare il proprio tempo per l’interesse comune, mi ripaga delle delusioni che alcuni mi fanno vivere per qualche spicciolo o per un momento di celebrità.

Da domani si riparte con uno spirito nuovo e senza condizionamenti da quello che sono le esperienze passate, cercando di raggruppare tutte quelle energie positive e quelle persone costruttive che hanno voglia di lavorare per costruire un progetto che possa offrire alle future generazioni la possibilità di vivere un’esistenza libera da soprusi in una società in cui non conta quanto  hai ma quanto sai dare.

 

Be Sociable, Share!